+39 392 3858411
info @ noibellastoria.it
Seguici sui Social
Associazione Bella Storia > Blog & Notizie  > “Prof, mi metta 6 e non mi faccia incaz…”, così l’alunno minaccia l’insegnante – VIDEO

“Prof, mi metta 6 e non mi faccia incaz…”, così l’alunno minaccia l’insegnante – VIDEO

Un altro video, stesso professore in cattedra. Stesse scene di bullismo. L’aggressione e le offese a un insegnante di un istituto tecnico di Lucca, che hanno fatto il giro della rete e hanno portato la Procura a indagare alcuni alunni, tutti minorenni, sono solo l’ultimo di una serie di episodi che si sono consumati tra i banchi dell’istituto tecnico commerciale  “Carrara” di Lucca. Lo testimonia un altro filmato, sempre diffuso in rete, in cui si vede un ragazzo afferrare un casco integrale da motociclista, indossarlo, e mimare una testata. Non una, non due. Ma diverse volte. L’alunno si avvicina ripetutamente al docente, gli sfiora il braccio. Lo sfida. In altre immagini un compagno prende possesso della cattedra e, con prepotenza, la occupa con i cestini per la raccolta della carta.

Tutto avviene tra le le risate dei compagni di classe. Tutto viene ripreso mentre c’è chi insulta e bestemmia. Vittima il professore che cerca, come può, di fermare la furia dei suoi alunni. Scene di “ordinario bullismo” avvenute tra i banchi. E finite in rete, prima nei gruppi WhatsApp e poi su Facebook. Prima di essere individuati dalla polizia postale. Dopo il video in cui si vede un alunno minacciare il professore intimandogli di inginocchiarsi, questi nuovi frame mostrano altre vessazioni e umiliazioni sempre nei confronti dello stesso professore, un insegnante di storia e italiano di 64 anni. L’autore delle offese si sarebbe già scusato. Ma intanto la Procura ha indagato lui e altri due compagni per aver preso di mira il docente. Loro sono ragazzini del biennio tra i 14 e i 15 anni. Polizia postale e digos hanno proceduto d’ufficio e ieri il preside della scuola ha presentato una denuncia. Intanto il tribunale dei minori di Firenze ha aperto un fascicolo. L’inchiesta si avvale degli accertamenti della polizia postale e della Digos di Lucca che sono anche mirati ad individuare chi in classe ha girato le immagini, probabilmente coi telefonini, e poi le ha condivise sul web.

fonte: repubblica.it

Sale a sei il numero di studenti indagati dalla procura minorile per i fatti dell’Istituto “Carrara” di Lucca, dove un gruppo di studenti ha preso di mira un professore con insulti, minacce e offese. I magistrati hanno deciso di allargare il numero delle persone coinvolte dopo aver visto anche i nuovi video, quelli in cui compaiono anche un altro paio di studenti, e dopo aver chiarito bene chi ha ripreso le immagini e chi le ha diffuse sulla rete. Per ora i reati ipotizzati sono violenza privata e ingiuria. Ma potrebbero essere contestati anche reati legati appunto alla diffusione online del video.

fonte: repubblica.it

Condividi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi